La felicità si può raggiunge al meglio quando si vive attraverso una vita etica. Una bella vita è una vita felice.

Buoni rapporti e assunzione di responsabilità non solo rendono possibile una vita felice; sono la felicità stessa.
Una bella vita è una vita felice.

Buoni rapporti e assunzione di responsabilità non solo rendono possibile una vita felice; sono la felicità stessa.
Eppure le brave persone non sono sempre felici.
Perché?

Perché la bontà è uno stato ideale; è qualcosa a cui si mira continuamente. La felicità può essere raggiunta spesso ma è uno stato che non dura è per così dire fugace.

Le condizioni cambiano e cambiano continuamente, quindi bisogna sempre essere lì, pronti a ricreare quell’aspetto volatile.

Nessuno al mondo, ha tutto ciò che è necessario: tempi pacifici, salute perfetta, una società giusta, genitori amorevoli, insegnanti premurosi, eppure anche se non tutto può sembrare aiutarci nel generare la nostra felicità, una condizione interiore d’amore, può aiutarci a scorgere ciò che in un primo momento può sembrarci ostile o controproducente.

Amare vuol dire essere felici con..

Nella cultura sciamanica hawaiana, il concetto di amore viene identificato con una sola parola “Aloha”, che vuol dire condividere il respiro della vita e lo spirito di felicità in questa esperienza.

È un principio bellissimo, fa comprendere che ogni esperienza che viviamo, è possibile osservarla da più punti di vista, dove se si comprende che nulla arriva per caso, si può scorgere la magnificenza di tutto il creato.

Puoi vivere pensando che alcune situazioni negative possono essere evitate o puoi pensare che non ti meriti di viverle, ma se dentro di te il tuo cuore è pervaso d’amore e di gratitudine, il più delle volte, tali esperienze non capiteranno e se capitassero, sapresti sempre comprenderne l’armonia che accompagna l’esperienza stessa.

“Se non puoi stare con quello che ami, ama quello con cui stai”.

Stephen Stills

Può sembrare una consolazione, dover scegliere di amare ciò che si ha quando dentro di noi abbiamo il desiderio di migliorare per raggiungere stati migliori, ma già hai tutto ciò di cui hai bisogno.

Per raccontarti una mia storia, anni fa, quando iniziai a divulgare questa straordinaria filosofia sciamanica dell’avventura, avevo il forte desiderio di fare dei corsi insieme a delle persone, ma non avevo una palestra dove potermi appoggiare e non volevo neanche far pagare gli incontri, perché non mi sentivo ancora all’altezza di insegnare correttamente.

Era una situazione difficile, chi mai mi avrebbe fatto fare dei corsi senza neanche un minimo riconoscimento economico?

E proprio quel giorno che ripassai il principio di Aloha, mi venne quell’ idea

Ero in meditazione nella mia sala e riaprendo gli occhi dopo essermi caricato di amore e accettazione, vidi che in quella sala dove stavo meditando il tappeto avrebbe accolto almeno 7-8 persone, bastavano soltanto dei cuscini che comunque avevo.

Così vidi ciò che prima non riuscivo neanche a scorgere, era già lì avanti a me e non c’avevo fatto minimamente caso.

Questo è accaduto soltanto perché la mia mente era diretta verso il desiderio, verso il raggiungimento di uno stato di benessere pretendendo che arrivasse dall’esterno.

Solo quando ho ricreato una situazione di amore interiore, sono riuscito a vedere un’altra realtà che mi ha dato poi modo di realizzare quel mio sogno di quel tempo.

L’amore aumenta con il diminuire della critica

Non puoi amare se critichi ciò che ti circonda e non potrai mai amare neanche te stesso se pensi che le problematiche provengono da fuori di te.

A volte le regole più semplici sono le più difficili da seguire. “Non giudicare e non sarai giudicato.” Perché? Una buona ragione è che la critica in qualsiasi forma negativa ti indebolisce. Il mondo è fondato sull’amore, quindi naturalmente il suo opposto alienerà una persona e limiterà la propria energia. Ciò si verifica quando critichi gli altri e quando critichi te stesso. Il tuo corpo è connesso con tutte le cose e può sentire la critica quando entra e quando esce. Prova tu stesso. Pensa a qualcosa o qualcuno che non ti va a genio e di ‘ad alta voce “Non mi piace!”.

Ora pensa a qualcosa che ti piace davvero e dì ad alta voce, “Mi piace!”.

Senti la differenza?

Apprezzare e lodare di più ti rende libero e felice e il tuo cuore gioisce al solo pensiero di poterlo fare continuamente.

È così facile criticare le altre persone, e così difficile dare un unico complimento onesto. È così facile vedere te stesso sotto una buona luce e allo stesso tempo concentrarsi sulle imperfezioni di altre persone.

Ma criticare le persone è una situazione di sconfitta e perdita totale che crea solo distanza, diffonde energie negative e provoca tensioni. La critica è uno dei peggiori tipi di pensiero negativo.

Se i pensieri positivi sono pensieri creativi di connessione, incluso, condivisione e Amore, allora il pensiero negativo è composto da pensieri e parole (e conseguentemente azioni) che disconnettono, escludono e diffondono l’odio.

Dedicarsi alla creazione di pensieri positivi, non solo ti eviterà di creare inimicizie nel tempo, ma dentro di te si creano dei processi chimici che tendono ad elevare le vibrazioni del tuo corpo, pertanto sarà molto improbabile che con tanta energia accada che una malattia possa presentarsi.

Ricordati, il male e il bene non provengono da fuori, provengono soltanto da dentro di te.

Tutto è vivo, cosciente e sensibile

Ti è mai capitato di rompere lo schermo del tuo cellulare?

Oppure toccare qualcosa che ti si rompe in mano?

Oppure potrei anche parlare di tutte quelle persone che non riescono neanche a far crescere una pianta di prezzemolo o di fragole, il classico pollice nero.

Tutto questo accade perché pensando che tutto ciò che ci circonda non essendo qualcosa di umano, possa avere una vita separata dalla nostra, lasciamo poi stare gli oggetti “inanimati”, se si rompono che colpa ne abbiamo?

Eppure sempre in base al principio di Aloha, tutto ma proprio tutto è vivo, ha una sua intelligenza ed è sensibile ad ogni energia con cui viene a contatto.

Se ti si è rotto lo schermo del telefono, è possibile che odi quel complesso di tecnologia che porti sempre con te, oppure non lo valorizzi abbastanza.

E le cose che ti si rompono in casa hanno lo stesso identico valore energetico.

Più si impara ad amare qualsiasi cosa e più questo qualsiasi cosa risponderà all’energia donata.

Forse non notiamo il movimento di una roccia o ascoltiamo le voci di alberi e piante, ma hanno livelli di consapevolezza come noi umani. Se vediamo tutto come energia e connesso, questo corollario può “prendere vita”.

Nei miei laboratori sciamanici Huna Lab aiuto le persone a comunicare con gli elementi, poiché non solo hanno molto da dirci, ma possono anche aiutare a facilitare la guarigione.

Molte culture trovano sacre le piante, animali, punti di forza, vento e altri elementi delle rispettive aree. Quando puoi lavorare con la Natura invece di vederla come separata, può svilupparsi una nuova consapevolezza della vita e dell’amore. Prenditi alcuni minuti oggi o domani e parla con un albero, o ascolta il vento, oppure nota gli animali che appaiono durante il giorno perché potrebbero avvisarti di qualcosa che sta per accadere.

Potresti essere molto sorpreso da ciò che imparerai e da come il tuo spirito ti fa vedere e ti insegna.

Voglio quindi concludere con una sola frase che racchiude il principio di Aloha: “il male, non può esistere se dentro di noi il nostro cuore è pervaso d’amore per tutto ciò che ci circonda”.

Spero che questo principio ti sia piaciuto e se vuoi rimanere aggiornato sui prossimi corsi ed eventi Huna Lab scorri fino in fondo alla pagina e lascia la tua mail.

Ti auguro una splendida giornata pervasa dallo spirito di Aloha!

Huna
lab

Iscriviti alla newsletter di
Luca Bolognini
Mi iscrivo
close-link